Notizie varie d'interesse generale

Pagina 4 di 34 Precedente  1, 2, 3, 4, 5 ... 19 ... 34  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Notizie varie d'interesse generale

Messaggio  Ferryboat il Dom Nov 07, 2010 4:12 pm

La carrozza era utilizzata, per quanto ne so io, dagli operai della linea come ricovero e/o mensa.
Se qualcuno può confermare ne sarei felice. Wink
avatar
Ferryboat
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 15.05.09

http://www.a-f-s.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Notizie varie d'interesse generale

Messaggio  Ferryboat il Dom Nov 07, 2010 6:03 pm

La macchina è isolata a Brancaccio (appena avvista da un nostro Socio) cheers
avatar
Ferryboat
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 15.05.09

http://www.a-f-s.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Notizie varie d'interesse generale

Messaggio  john il Dom Nov 07, 2010 7:51 pm

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Unico posto dove ho potuto fotografarla: Roccapalumba
Vorrei conoscere chi ha deciso ieri notte di anticipare la partenza di più di un'ora!!

john

Data d'iscrizione : 25.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Notizie varie d'interesse generale

Messaggio  Admin il Dom Nov 07, 2010 7:51 pm

Roberto Meli ha scritto:Era stato comunicato che la 990 sarebbe partita da Caltanissetta per Palermo alle ore 8,30,invece è partita alle ore 7,30.
Questo anticipo all'ultimo momento è possibile,oppure bisogna pensare che.............

Roberto,
raccontaci com'è andata la giornata.

_____________________________
Roberto

Copiare e/o imitare l'AFS non è difficile: è semplicemente inutile [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Parcere subiectis et debellare superbos
avatar
Admin
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 03.05.09

http://a-f-s.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Notizie varie d'interesse generale

Messaggio  john il Dom Nov 07, 2010 7:53 pm

Le condizioni della Aln990, oggi
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

john

Data d'iscrizione : 25.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Notizie varie d'interesse generale

Messaggio  Admin il Dom Nov 07, 2010 7:56 pm

Secondo te cosa si può recuperare Question

Toglimi una curiosità: perchè addirittura una doppia trazione di E 633 Question

_____________________________
Roberto

Copiare e/o imitare l'AFS non è difficile: è semplicemente inutile [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Parcere subiectis et debellare superbos
avatar
Admin
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 03.05.09

http://a-f-s.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Notizie varie d'interesse generale

Messaggio  john il Dom Nov 07, 2010 9:14 pm

Con le tecnologie moderne e tanti soldi si può recuperare facilmente come mezzo statico (come la E444.001). Rimetterla in funzione è molto più impegnativo.
I due E633 sono serviti perchè a Xirbi il convoglio ha cambiato senso, oltre a questo anche per motivi di sicurezza.

john

Data d'iscrizione : 25.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Notizie varie d'interesse generale

Messaggio  Gualtiero il Lun Nov 08, 2010 9:18 am

Davvero delle foto bellissime!!!!Spetterà un duro lavoro agli amici di treno doc..ma la loro bravura è cosa ormai nota....quindi un "in bocca la lupo" e buon lavoro!!!!!!

_____________________________
Lc 24,1-12 : Perché cercate tra i morti colui che è vivo?
avatar
Gualtiero
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 09.08.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Notizie varie d'interesse generale

Messaggio  Roberto Meli il Lun Nov 08, 2010 9:55 am

La 990-1005 adl Alcamo Diramazione prima di essere trasferita

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
avatar
Roberto Meli

Data d'iscrizione : 18.04.10

http://www.treniecartolinesicilia.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Notizie varie d'interesse generale

Messaggio  Ferryboat il Lun Nov 08, 2010 12:52 pm

Mi piace tantissimo questa foto Roberto!Speriamo di vederla risplendere e possibilmente fotografarla, a lavori ultimati, allo stesso posto! sunny
avatar
Ferryboat
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 15.05.09

http://www.a-f-s.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Notizie varie d'interesse generale

Messaggio  Ne 120 il Lun Nov 08, 2010 4:17 pm

Secondo me non'è poi messa così male...tolte quelle lamiere dovrebbero emergere i finestrini e l'aspetto dell'automotrice sarà sicuramente migliore Wink
avatar
Ne 120
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 04.05.09

http://a-f-s.it

Tornare in alto Andare in basso

In vendita da oggi i biglietti per il nuovo orario

Messaggio  Admin il Mar Nov 09, 2010 2:49 pm


Fonte: FS News

Roma, 09 novembre 2010

E’ da oggi possibile consultare l’orario e acquistare i biglietti per circa un quarto dei treni nazionali in circolazione con il prossimo orario di Trenitalia, in vigore dal 12 dicembre 2010. In vendita quasi tutti i Frecciarossa e una parte di Frecciargento.

Tutti gli altri treni della nuova offerta saranno progressivamente inseriti nei sistemi di consultazione e vendita nei prossimi giorni.

I biglietti possono essere acquistati presso le biglietterie, le agenzie di viaggio, le self service, sul sito internet di Ferrovie dello Stato e al call center 892021.

_____________________________
Roberto

Copiare e/o imitare l'AFS non è difficile: è semplicemente inutile [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Parcere subiectis et debellare superbos
avatar
Admin
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 03.05.09

http://a-f-s.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Notizie varie d'interesse generale

Messaggio  zancle il Mar Nov 09, 2010 10:19 pm

Admin ha scritto:
...Tutti gli altri treni della nuova offerta saranno progressivamente inseriti nei sistemi di consultazione e vendita nei prossimi giorni...
Me ne sono acco Sad non so ancora come scendere per Natale, quasi quasi ti chiederei uno strappo presidente Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing

_____________________________
Messina: Porta della Sicilia
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
zancle
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 04.05.09

http://www.a-f-s.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Notizie varie d'interesse generale

Messaggio  Admin il Mar Nov 09, 2010 11:01 pm

Purtroppo neil mio programma natalizio 2010 non c'è la Sicilia, altrimenti lo strappo te l'avrei dato volentieri Razz

_____________________________
Roberto

Copiare e/o imitare l'AFS non è difficile: è semplicemente inutile [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Parcere subiectis et debellare superbos
avatar
Admin
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 03.05.09

http://a-f-s.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Notizie varie d'interesse generale

Messaggio  Gualtiero il Gio Nov 11, 2010 11:09 am

1- Niente treni, siamo siciliani

Dalla Stazione di Catania prendi un pullman fino a Messina, scendi e t’imbarchi sul traghetto che ti porta a Villa San Giovanni dove, rigorosamente a piedi, ti rechi alla Stazione ad aspettare, magari per ore e ore, di trovare posto su un treno che ti porti al Nord Italia.

E’ questo il futuro, prossimo, che ci attende dal 12 dicembre quando Trenitalia sopprimerà i treni a lunga percorrenza che dalla Sicilia raggiungono il Nord del Paese. In pratica dalle nostre città siciliane non partiranno più treni per Milano, Torino o Venezia. E questo perché Trenitalia ha deciso di tagliare le tratte considerate più improduttive. Se qualcuno di noi sognava che un giorno i treni ad Alta velocità sarebbero arrivati a percorrere anche i siculi binari oggi si rassegni: niente Alta velocità ma neanche treni normali. Mentre l’Italia fino a Salerno corre sui binari dell’Alta velocità, mettendo a disposizione delle città una sorta di metropolitana veloce lunga oltre mille chilometri, la Sicilia viene invece definitivamente isolata dal trasporto ferroviario.

Dovremo ricominciare a usare il tradizionale carretto trainato dal cavallo, magari bardato con il pennacchio, per sbarcare in continente. Bel regalo alla Sicilia per i 150° dell’Unità d’Italia.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

2 - Sicilia, la Regione non ci sta: “Ridateci i treni soppressi”

Il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, e l’assessore regionale alla Mobilità, Pier Carmelo Russo, hanno chiesto al ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli di intervenire nei confronti di Trenitalia per sospendere il piano che prevede, a partire da dicembre, la soppressione di alcuni treni a lunga percorrenza, tra cui quelli che collegano Agrigento e Siracusa con Roma.

Nella lettera inviata al ministro, Lombardo e Russo sollecitano “l’immediata apertura di un tavolo di confronto con la partecipazione degli enti locali interessati, in cui potere affrontare, in ottica globale, l’intera questione ferroviaria siciliana per individuare soluzioni che abbiano a cura l’interesse primario dei siciliani e nel contempo, tengano conto delle esigenze di razionalizzazione”.

A lanciare l’allarme è stata ieri la Fit-Cisl: dai 56 treni a lunga percorrenza che collegavano la Sicilia al Paese nel 2005 si passerà, secondo i programmi aziendali, a 14 treni dall’entrata in vigore dell’orario invernale, previsto a dicembre 2010.

La riduzione del numero di treni a lunga percorrenza e il nuovo orario, per Lombardo e Russo, “sancirebbe, di fatto, l’eliminazione delle relazioni dirette Siracusa-Catania con Milano, Torino, Roma, Venezia, nonché la soppressione della coppia di treni Agrigento-Roma Termini determinando pesanti ricadute sociali ed economiche”.

“Questi provvedimenti, ove confermati – scrivono Lombardo e Russo – mortificherebbero ulteriormente la Sicilia e i siciliani tutti”. Il governatore e l’assessore ricordano inoltre che “la specifica normativa di riferimento prevede la compartecipazione dell’amministrazione regionale alla formazione delle scelte a livello centrale che prevedono l’istituzicne o la modifica dei servizi di collegamento nazionali terrestri, marittimi ed aerei che interessano la Sicilia”.

Fonte: canicattiweb.com > 10.11.2010

3 - Le Ferrovie smobilitano dalla Sicilia su Internet treni già cancellati

Sarà un'odissea il viaggio verso il Nord: in pullman fino a Messina, poi in traghetto, magari di sera, fino a Villa San Giovanni. Infine in attesa alla stazione, fino all'alba, sperando di trovare ancora un posto su un treno diretto al Nord. Ed è impossibile prenotare. Allarme per il rientro nataliziodi

SARA SCARAFIA

Ufficialmente il piano non è ancora effettivo, ma Trenitalia ha di fatto già soppresso i treni a lunga percorrenza che dalla Sicilia raggiungono il Nord. Perché l'unica certezza, al momento, è che a partire dal 12 dicembre non si può prenotare un treno che colleghi il Sud con il resto d'Italia. Se fino all'11 dicembre le prenotazioni dei collegamenti sono regolari, dal 12, vigilia dell'attivazione del nuovo orario annunciato da Trenitalia, è black-out. Un incubo soprattutto in vista delle vacanze di Natale. Come faranno i pendolari che a Natale vogliono tornare a casa? Prenotare al momento è impossibile.

Ha fatto la prova anche il sottosegretario alla presidenza del Consiglio e leader di Forza del sud Gianfranco Micciché: "Ho cercato di prenotare un treno da Milano a Siracusa per il 5 gennaio 2011 e mi è stato detto che il treno è stato soppresso. E che i treni dal Nord Italia si fermano a Villa San Giovanni. Ho chiesto lumi a Trenitalia e mi è stato riferito che, poiché sono state tagliate le risorse per le ferrovie, essendo Trenitalia una Spa, si tagliano le tratte improduttive. Che sia questa il primo effetto del federalismo?".

Sul caso è intervenuto anche il governatore Raffaele Lombardo che ha scritto al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Altero Matteoli: "Questi provvedimenti, ove confermati, mortificherebbero ulteriormente la Sicilia e i siciliani". La rivoluzione di Trenitalia, se con l'entrata in vigore dell'orario invernale verrà confermata la scure sui treni a lunga percorrenza siciliani, trasformerà in una odissea i viaggi verso il Nord: in pullman fino a Messina, attraversando mezza Sicilia. Poi in traghetto, magari di sera, fino a Villa san Giovanni. Infine in attesa alla stazione, fino all'alba, sperando di trovare ancora un posto su un treno diretto al Nord.

Da Trenitalia non arriva nessuna conferma ma nemmeno una smentita, a due giorni dalla denuncia della Fit Cisl che ha lanciato l'allarme. Secondo le indiscrezioni sul piano, che scatterà il 13 dicembre con l'entrata in vigore dell'orario invernale, i posti passeggeri precipiteranno da quattromila a meno di tremila. Da Siracusa, Catania e Agrigento non partiranno più i treni diretti a Milano, Torino e Venezia. E saranno tagliati anche i collegamenti con Roma Termini. Ma cosa dovrà fare allora un passeggero? Chi da Agrigento deve raggiungere per esempio Milano oggi conta su cinque convogli: se la rivoluzione diventerà effettiva, non ce ne sarà più nessuno. Un agrigentino, dunque, dovrà raggiungere Messina in pullman (si dice infatti che verranno istituiti dei bus per le tratte più importanti) oppure con i propri mezzi percorrendo 288 chilometri di strada.

Arrivato a Messina dovrà imbarcarsi per Villa San Giovanni: parte un traghetto ogni 40 minuti. L'ultimo alle 22 e 40. Poi, una volta superato lo Stretto, dovrà cercare un treno sperando di trovare posto. Da Catania verso Messina i chilometri da percorrere sono 96, 154 da Siracusa: oggi da Catania e Siracusa partono cinque treni al giorno per Milano.

Il taglio dei convogli si tradurrà in un taglio di posti: e in un conseguente sovraffollamento delle tratte rimaste in vigore. Ci sarà dunque il rischio che dopo oltre mezza giornata di viaggio, un agrigentino sia costretto ad attendere ore prima di trovare un posto? O che trovi posto ma sia costretto a fare in piedi oltre dodici ore di viaggio?

Fonte: palermo.repubblica.it > 10.11.2010

4 - Dismissione ferrovie. Lavoratori Wagon Lits in protesta a Roma. Duro affondo di Buzzanca contro l'Ad di Rfi Moretti

Un centinaio i dipendenti del servizio di accompagnamento notturno che hanno manifestato nella capitale contro i tagli occupazionali di Fs che annuncia l’eliminazione di altri treni sulla tratta Siracusa-Venezia. Il primo cittadino torna a chiedere l'intervento del governo nazionale. «Lo sviluppo del trasporto ferroviario si ferma in Campania»

La politica di dismissione attuata nello Stretto da Rfi, oltre a determinare inevitabili ripercussioni negativa sulla qualità del servizio e dunque sull’utenza (come ben mostrato dal video denuncia realizzato dalla Cisl), non risparmia ovviamente i lavoratori dei diversi settori del comparto trasporto ferroviario. L’eliminazione di molti treni a lunga percorrenza, ad esempio, mette a repentaglio, così come si sta verificando, il futuro dei lavoratori impiegati nel servizio di accompagnamento notturno, nello specifico, compresi quelli della Società Servirail New-Rest Wagons Lits di Messina, in appalto del gruppo Fs.

Quaranta di loro questa mattina, come annunciato già nelle scorse settimane, hanno protestato di fronte la sede romana di Trenitalia (vedi foto correlate), contro il taglio occupazionale che sta interessando oltre 400 lavoratori del comparto ferroviario, a causa della definitiva cancellazione dei treni a lunga percorrenza

Passeggeri che collegano la Sicilia e la Calabria al resto d'Italia. Nell'Impianto Servirail della città dello Stretto, sono 24 gli esuberi di personale già annunciati dall'azienda, mentre dal 1. aprile del 2010 è in atto un Contratto di Solidarietà con decurtazione del 26% delle ore lavorate. La situazione, critica per i livelli economici di numerose famiglie monoreddito, rischia di diventare drammatica nel prossimo mese di dicembre quando Trenitalia ha già previsto un ulteriore taglio di numerosi treni a lunga percorrenza tra cui la tratta Siracusa – Venezia, oggi gestita dall'impianto Servirail di Messina. Tale soppressione farebbe lievitare gli esuberi e metterebbe a rischio occupazionale oltre il 50% del personale impiegato a Messina.

Una delegazione dei lavoratori è stata ricevuta dai vertici Trenitalia, i quali senza fare un passo indietro hanno altresì confermato il piano industriale che prevede un ulteriore taglio dal 13 dicembre dei treni passeggeri in transito sullo stretto di Messina e hanno palesato altre future diminuzioni in previsione del 2014, quando scadrà il contratto di servizio con lo stato per il servizio universale, paventando la chiusura del comparto e mettendo a rischio il futuro occupazionale degli addetti. «Abbiamo assistito - dichiarano Pasquale Maimone e Rocco Sbarra, RSA della Cisl di Messina – al solito balletto di responsabilità da parte di Trenitalia che giustifica l'abbandono del servizio notte per la continua diminuzione delle sovvenzioni da parte del Governo».

I lavoratori non soddisfatti delle risposte evasive di Trenitalia si rivolgeranno alla classe politica programmando una nuova iniziativa di protesta da tenersi questa volta presso la sede del Governo nazionale, azionista di riferimento di un Gruppo FS , nel silenzio, sta creando una spaccatura nel Paese e producendo un prossimo disastro occupazionale.

Ma intanto torna a farsi vivo anche il primo cittadino di Messina Giuseppe Buzzanca, che ricorrendo ad una metafora cinematografica, stigmatizza l’atteggiamento dell’amministratore delegato di Rfi Mauro Moretti, affermando: «Per le Ferrovie dello Stato la mobilità in Sicilia deve tornare alle corriere ed ai torpedoni del neorealismo cinematografico di Rossellini, De Sica, Visconti e Germi, per un'ulteriore offesa all'orgoglio ed agli sforzi del Sud che lavora.
Non si può pensare - sostiene il sindaco - ad uno sviluppo del Meridione, delle potenzialità turistiche, economiche ed imprenditoriali della Sicilia e tornare indietro con un sistema di mobilità ferroviaria che non guardi alle esigenze attuali del territorio. La rete infrastrutturale ferroviaria in Sicilia si estende complessivamente per oltre 1330 chilometri, con le linee a doppio binario elettrificato che costituiscono una esigua minoranza, mentre per vincere la competizione nel mondo dei trasporti in Sicilia, gli obiettivi di FS sono la riduzione ed il contenimento dei costi. Lo scenario innovativo che le Ferrovie stanno attuando, con nuove linee ferroviarie e stazioni del futuro, hanno un confine nazionale che si ferma in Campania, non considerando la continuità territoriale sancita dalla Costituzione. Non si può quindi più restare impassibili all'ormai palese disimpegno dell'azione delle Ferrovie nell'Isola e nei collegamenti tra le città siciliane, ed in particolare tra Messina e le dorsali orientale ed occidentale».

Il duro affondo di Buzzanca, che rispetto alle vicende del trasporto ferroviario di Messina non sembra trovare alcun appoggio dal governo amico, neanche da parte dell’amico Matteoli, non manca di considerare la soppressione dei collegamenti marittimi, primo passo verso la grande dismissione: si è arrivati al minimo storico con due sole navi in linea: la Scilla, del 1985 e la Rosalia, del 1972, oltre l'Igina, del 1969, come traghetto per le emergenze. «Sino a qualche anno fa – continua il sindaco facendo un salto indietro nel tempo - le navi erano quattro, più una riserva, per non parlare dei collegamenti dopo il 1948, con 14 navi in linea. La diminuzione di mezzi nello Stretto, il piano di tagli di Trenitalia ed i crescenti disservizi per i viaggiatori danno certezza dell'azione di abbandono di Fs/Rfi». Buzzanca, nonostante la sordità finora palesate dai vertici nazionali, torna a chiedere con forza un cambiamento di indirizzo gestionale per i trasporti in Sicilia, per servizi ferroviari che gli utenti siciliani e messinesi richiedono quale diritto garantito a tutti gli altri fruitori del Paese.

Elena De Pasquale

Fonte: tempostretto.it > 10.11.2010

5 - PETIZIONE
Pubblicato il 10 novembre 2010 da Patto
FIRMA ANCHE TU LA PETIZIONE CONTRO GLI AUMENTI TARIFFARI E I TAGLI ALLE RISORSE PER IL TRASPORTO PUBBLICO

Per firmare vai su [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

6 - Ferrovie, nessun taglio

CATANIA - "Niente tagli per i treni a lunga percorrenza in Sicilia. Allarme rientrato, dunque, per i collegamenti ferroviari tra l'Isola e il Continente. I viaggiatori non saranno soggetti ad alcun disagio" annuncia il sottosegretario ai Trasporti, Giuseppe Maria Reina, a conclusione dell'incontro, da lui convocato d'intesa con il ministro Matteoli, tra i vertici del Dicastero di Porta Pia e l'amministratore delegato di Trenitalia Vincenzo Soprano.

La riunione, che comunque era stata già programmata dalla fine della settimana scorsa, è nata in conseguenza ad una situazione resasi incandescente dopo la pubblicazione di notizie su possibili tagli che Rfi avrebbe effettuato nei prossimi mesi in Sicilia.

"Dopo un approfondito esame della situazione - spiega Reina - si è pervenuti ad una soluzione ragionevole. Le linee che avrebbero potuto subire delle soppressioni, saranno mantenute. Quindi niente taglio delle cosiddette antenne da Palermo, Agrigento e da Siracusa e nessuna soppressione dei treni relativi".

"La Sicilia ha pieno diritto a credere e sperare in un futuro migliore per il trasporto ferroviario sul proprio territorio. La soluzione adottata naturalmente - sottolinea il sottosegretario - comporterà un'integrazione di risorse finanziarie di diversi milioni che saranno appositamente rinvenuti dal ministero, prelevandoli da più voci, per sopperire alla situazione".

Fonte: La Sicilia. cheers cheers cheers

_____________________________
Lc 24,1-12 : Perché cercate tra i morti colui che è vivo?
avatar
Gualtiero
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 09.08.10

Tornare in alto Andare in basso

Trenitalia rinuncia ai tagli in Sicilia dopo l'incontro al Ministero Garofalo (Pdl): «Non potevamo tollerareuna politica inaccettabile per questa terra»

Messaggio  Gualtiero il Gio Nov 11, 2010 1:21 pm



Mauro Cucè
messina
La notizia che tutti aspettavano. Trenitalia ha rinunciato ai tagli che nel prossimo dicembre avrebbero portato a soli 14 il numero dei treni a lunga percorrenza che collegano la sicilia al resto del Paese, una riduzione che sarebbe stata del 75% dei convogli rispetto ad appena cinque anni. Ad annunciarlo è il sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti. Giuseppe Maria Reina. «Niente tagli per i treni a lunga percorrenza in Sicilia – commenta in una nota l'esponente del Governo –. Allarme rientrato, dunque, per i collegamenti ferroviari tra la Sicilia e il Continente. I viaggiatori non saranno soggetti ad alcun disagio». La nota arriva al termine dell'incontro, convocato dal sottosegretario d'intesa con il ministro Matteoli, tra i vertici del Dicastero di Porta Pia e l'Amministratore delegato di Trenitalia, Vincenzo Soprano.
«Dopo un approfondito esame della situazione – spiega Reina – si è pervenuti ad una soluzione ragionevole. Le linee che avrebbero potuto subire delle soppressioni, saranno mantenute. Quindi niente taglio delle cosiddette "antenne" da Palermo, Agrigento e da Siracusa e nessuna soppressione dei treni relativi. La Sicilia – ha chiarito Reina – ha pieno diritto a credere e sperare in un futuro migliore per il trasporto ferroviario sul proprio territorio. La soluzione adottata naturalmente comporterà un'integrazione di risorse finanziarie di diversi milioni che saranno appositamente rinvenuti dal Ministero, prelevandoli da più voci, per sopperire alla situazione».
Soddisfazione espressa anche dal deputato messinese del Pdl, Enzo Garofalo. «Trenitalia ha rinunciato – dice – perché la politica, che in questi tempi è spesso sotto attacco, a volte non giustificato, non può accettare la certificazione di due condizioni: la prevalenza dei calcoli ragionieristici di un'azienda rispetto agli interessi di milioni di italiani; la subalternità della politica al potere del denaro. Scrivo questo in premessa per dire non solo che il piano strategico di Trenitalia sarebbe stata inaccettabile per il popolo siciliano, ma anche per affermare che su questo terreno non sono stato e non sarò disponibile a fare sconti. A nessuno, per nessuna ragione. Oggi – continua – abbiamo ottenuto le rassicurazioni che volevamo nell'interesse di una vasta popolazione che vuole attenzione, che proprio sui trasporti scommette il futuro di gran parte delle proprie aziende e dunque il futuro economico di un'intera area geografica. Trenitalia né a dicembre né mai, fino a quando il sistema trasporti sarà nelle attuali condizioni generali, potrà abbandonare la Sicilia. La scelta che tale azienda compierà infatti non è funzionale solo al conto economico di una società di trasporti ma diventa presupposto dello sviluppo o del definitivo isolamento della Sicilia».
In mattinata si era tenuta a Roma la protesta dei lavoratori della Società Servirail New-Rest Wagons Lits di Messina, società che si occupa del servizio di "accompagnamento notte", attività in appalto del Gruppo FS. Oltre cento i partecipanti da diverse realtà italiane più di 40 quelli provenienti da Messina hanno protestato a Roma, sotto la sede di Trenitalia evidenziando lo stato di forte preoccupazione sui livelli occupazionali in cui versano gli oltre 400 lavoratori del comparto indotto ferroviario per i continui tagli che l'azienda sta operando sui treni a lunga percorrenza Passeggeri che collegano la Sicilia e la Calabria al resto d'Italia. Nell'Impianto Servirail di Messina sono 24 gli esuberi di personale già annunciati dall'azienda, mentre dal 1. aprile del 2010 è in atto un Contratto di Solidarietà con decurtazione del 26% delle ore lavorate. La situazione, critica per i livelli economici di numerose famiglie monoreddito, rischia di diventare drammatica nel prossimo mese di dicembre quando Trenitalia ha già previsto un ulteriore taglio di numerosi treni a lunga percorrenza tra cui la tratta Siracusa – Venezia, oggi gestita dall'impianto Servirail di Messina. Tale soppressione farebbe lievitare gli esuberi e metterebbe a rischio occupazionale oltre il 50% del personale impiegato a Messina

11/11/2010 gazzetta del sud

forse qualcosa si muove nella nostra terra e spesso i giornalisti "godono" nel creare allarmismo esagerato...evidentemente c'è qualcuno che ancora crede e ha voglia di combattere...invece di buttarsi a terra e piangersi addosso!!
cheers cheers cheers cheers cheers cheers cheers

_____________________________
Lc 24,1-12 : Perché cercate tra i morti colui che è vivo?
avatar
Gualtiero
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 09.08.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Notizie varie d'interesse generale

Messaggio  Admin il Gio Nov 11, 2010 1:33 pm

Per le suddette ragioni ho evitato di riprendere e commentare tutti gli allarmistici articoli finora pubblicati, prima voglio vedere davvero come stanno le cose e poi commenterò.


_____________________________
Roberto

Copiare e/o imitare l'AFS non è difficile: è semplicemente inutile [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Parcere subiectis et debellare superbos
avatar
Admin
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 03.05.09

http://a-f-s.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Notizie varie d'interesse generale

Messaggio  Treno dell' Etna il Gio Dic 02, 2010 8:50 pm

Hanno caricato i nuovi orari, lo smantellamento continua...
avatar
Treno dell' Etna

Data d'iscrizione : 30.06.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Notizie varie d'interesse generale

Messaggio  Admin il Gio Dic 02, 2010 11:35 pm

dicci qualcosa di più Wink

_____________________________
Roberto

Copiare e/o imitare l'AFS non è difficile: è semplicemente inutile [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Parcere subiectis et debellare superbos
avatar
Admin
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 03.05.09

http://a-f-s.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Notizie varie d'interesse generale

Messaggio  Treno dell' Etna il Ven Dic 03, 2010 5:41 am

Soppressi il 1924/5 e l' 853/4, diventano sezioni del 1938/9; Siracusa perde i posti a sedere (ritorna l' excielsior) quindi l' ultimo treno utile per Catania e Messina partirà alle 17:00. L' unica cosa positiva è che ad Agrigento è ritornato il servizio cuccette ma sono state tagliate le fermate di Aragona, Grotte, Caltanissetta Xirbi e Catenanuova; essendo ICN il prezzo aumenta.
Il resto è rimasto uguale con qualche ritocco d' orario.
avatar
Treno dell' Etna

Data d'iscrizione : 30.06.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Notizie varie d'interesse generale

Messaggio  Treno dell' Etna il Sab Dic 11, 2010 10:17 pm

Dopo 60 anni va in pensione il mitico "Freccia del Sud", un treno che ha segnato la storia ferroviaria italiana!
avatar
Treno dell' Etna

Data d'iscrizione : 30.06.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Notizie varie d'interesse generale

Messaggio  Ospite il Dom Dic 12, 2010 11:45 am

Treno dell' Etna ha scritto:Dopo 60 anni va in pensione il mitico "Freccia del Sud", un treno che ha segnato la storia ferroviaria italiana!

quanti ricordi e quante migliaia di km fatti con te.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Notizie varie d'interesse generale

Messaggio  john il Gio Dic 16, 2010 12:54 pm

Oggi Viaggiatreno dice che il treno ICN 1947 se pur in ritardo è in viaggio verso Agrigento. Se ho capito bene è il primo, dato che ho saputo (notizia non confermata) che da Domenica non è stato effettuato.

john

Data d'iscrizione : 25.04.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Notizie varie d'interesse generale

Messaggio  zancle il Sab Dic 18, 2010 11:50 am

E' bastata una spruzzata di neve per mandare il tilt la circolazione dei treini Exclamation ES con ritardi anche di 120 minuti affraid un mio amico mi ha detto che a Firenze SMN la situazione è stata critica

_____________________________
Messina: Porta della Sicilia
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
zancle
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 04.05.09

http://www.a-f-s.it

Tornare in alto Andare in basso

Notizie varie d'interesse generale

Messaggio  Ospite il Sab Dic 18, 2010 2:41 pm

Non bisogna viaggiare in treno per avere ritardi, anche gli aerei questa notte hanno viaggiato con circa cinque ore di ritardo.
Dovevo arrivare a Catania alle ore 21.30 da Roma sono arrivato alle 3.50 del mattino.
L'unica cosa buona che che questa notte ho ascoltato, è che il prefetto di Catania "anche lui in attesa del volo" ha potuto vedere in privato la nostra mostra "MeMo 2010" ne parlava con entusiasmo, c'era anche il questore di Messina.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Notizie varie d'interesse generale

Messaggio  zancle il Sab Dic 18, 2010 7:28 pm

andreal.lanzafame ha scritto:Non bisogna viaggiare in treno per avere ritardi, anche gli aerei questa notte hanno viaggiato con circa cinque ore di ritardo....
Almeno si piange con un occhio. Mi sa che domani avrò il tempo risicato a Roma

_____________________________
Messina: Porta della Sicilia
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
zancle
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 04.05.09

http://www.a-f-s.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Notizie varie d'interesse generale

Messaggio  Gualtiero il Dom Dic 19, 2010 9:54 pm

Conoscevate questo video?????? Question Question Question Question Question Question
Premettendo che la cantante non rispecchia affato i miei gusti..però la scelta del treno è stata eccezionale!!!!

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

_____________________________
Lc 24,1-12 : Perché cercate tra i morti colui che è vivo?
avatar
Gualtiero
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 09.08.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Notizie varie d'interesse generale

Messaggio  Admin il Dom Dic 19, 2010 10:27 pm

Non conoscevo il video, comunque un plauso a Carmen Consoli -cantautrice catanese- per la scelta di ambientarlo sulla littorina storica della FCE


Ultima modifica di Admin il Lun Dic 20, 2010 7:25 pm, modificato 1 volta

_____________________________
Roberto

Copiare e/o imitare l'AFS non è difficile: è semplicemente inutile [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Parcere subiectis et debellare superbos
avatar
Admin
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 03.05.09

http://a-f-s.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Notizie varie d'interesse generale

Messaggio  Giovanni il Lun Dic 20, 2010 6:14 pm

quando canta Carmen Consoli fa venire un ansia bestiale, cmq bella la scelta di ambientarle nella storica littorina
avatar
Giovanni

Data d'iscrizione : 09.12.10

Tornare in alto Andare in basso

“Carrette su rotaia” in viaggio verso il profondo sud. Espresso Torino-Villa S.Giovanni: acqua congelata nei rubinetti

Messaggio  Gualtiero il Mar Dic 21, 2010 2:21 pm

Riportiamo la testimonianza di un messinese di rientro in città per le festività natalizie e protagonsita di un viaggio non certo confortevole a bordo di uno dei treni a lunga percorrenza Rfi

Si sente spesso utilizzare l’espressione “carrette del mare” per descrivere i vecchi e malandati barconi su cui vengono trasportati centinaia di immigrati dai paesi di origini lungo le coste italiane. Adoperando le dovute proporzioni, in primis per il dramma realmente vissuto da chi spera di poter conquistare una vita migliore nel nostro paese, non ci sentiamo tuttavia di esagerare utilizzando la stessa frase per descrivere i treni di Rfi, vere e proprie “carrette su rotaia”. Badate bene però, il riferimento è infatti solo ai mezzi che effettuano tratte a lunga percorrenza, ovvero i famosi treni di collegamento da e per la Sicilia. A molti sarà capitato di dover utilizzare uno dei vagoni dei riservatissimi mezzi magari per tornare a casa durante le feste (come in questi giorni), e la sensazione, dopo aver finalmente raggiunto la meta, non è certo quella di aver effettuato un viaggio riposante, neanche da terza classe.

Lo racconta bene uno dei

tanti messinesi che ha lasciato la città dello Stretto per questioni di lavoro e che lo scorso 17 dicembre, volendo far rientro a casa proprio per le festività, si è “imbarcato” sul treno che da Torino lo ha condotto fino alla porta della Sicilia. Emblematica la sua testimonianza, in cui tanti potranno rispecchiarsi, ma ancor di più l’immagine che ci ha inviato e che come si vede mostra l’acqua congelata in uno dei rubinetti dei servizi igienici di cui il treno era evidentemente mal fornito. “Particolari” che certo creerebbero scalpore a bordo delle frecce argento ma che invece si rivelano la normalità sulle “carrette” dirette verso il sud: ahimè sempre più profondo. (EDP)

«Rientrare nella propria città diventa molte volte un impresa eccezionale, soprattutto quando per ferie stabilite all’ultimo momento sei costretto a prendere uno di quei treni eccezionali che le nostre amate FS ci mettono a disposizione. Quest’anno l’espresso Torino-Villa San Giovanni del 17/12/2012 delle ore 21.45, mi ha riservato un’esperienza nuova, un viaggio completamente al freddo. Quando parlo di freddo mi riferisco ad una temperatura tale che ha permesso alla classica goccia del rubinetto del bagno di congelare, realizzando una caratteristiche colonnina di ghiaccio.
Il personale ferroviario ha immediatamente perorato la nostra causa di non voler prendere un malanno proprio adesso che tornavamo in seno alle nostre famiglie, ma come spesso accade il loro massimo supporto è stato quello di scusarsi con dei pled ed una brioscina al mattino. Comunque con solo 4 ore di ritardo riesco finalmente ad approdare a Messina e mi scongelo».

tempostretto


ps: ma perchè non li tolgono sti treni inutili!!!!perchè far soffrire la gente così??!!che tristezza....

_____________________________
Lc 24,1-12 : Perché cercate tra i morti colui che è vivo?
avatar
Gualtiero
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 09.08.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Notizie varie d'interesse generale

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 4 di 34 Precedente  1, 2, 3, 4, 5 ... 19 ... 34  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum