Digitalizzazioni

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Digitalizzazioni

Messaggio  classe47 il Dom Ott 02, 2016 11:40 pm

Ho una 473 Roco comprata quasi 25 anni fa, e quindi non ha alcuna predisposizione per la digitalizzazione.
La corrente di alimentazione viene prelevata dai binari da quattro dei cinque assi della locomotiva e viene trasmessa al motore che si trova nel tender mediante un  gancio a forcella fra loco e tender che svolge quindi una funzione elettrica e meccanica nello stesso tempo.
Prima di cominciare a digitalizzare questa locomotiva ho pensato di dotare anche il tender  di prese di corrente ritagliando del sottile lamierino di ottone (la cosiddetta carta di spagna) e applicandolo come in figura.
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
In realtà solo l’asse posteriore capta la corrente, gli assi con anelli di aderenza non danno un valido contributo per cui ho modificato le due strisce di ottone eliminando le linguette che strisciavano su questi assi.

  L’unico  posto in grado di accogliere   il decoder è la carbonaia  nel tender, in pratica sopra il motore.  Per fare ciò è stato necessario togliere la zavorra di piombo simulante il carico di carbone.
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Applicato il decoder, l’ ho coperto con un cartoncino nero e poi su questo ho posizionato del carbone vero setacciato e  ammonticchiato su un altro cartoncino sagomato e tenuto insieme dallo stesso miscuglio usato per aggregare la massicciata, colla vinilica diluita con acqua e alcune gocce di tensioattivo.
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
il carbone ancora fresco di colla vinilica diluita.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Qui l'impasto è asciugato e l'aspetto del carbone è certamente più realistico della fusione di piombo.
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La 473 in servizio sul plastico. 
Con il  passo elettrico allungato non ha mai alcuna incertezza di marcia nemmeno  a passo d'uomo sui deviatoi con cuore non alimentato.
avatar
classe47
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 08.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Digitalizzazioni

Messaggio  FrancescoMaria Spampinato il Lun Ott 03, 2016 12:48 am

Col digitale non vado d'accordo. Io cerco la strada del radiocomando, ne abbiamo parlato quasi un anno fa a MeMo, ma ho bisogno dell'aiuto di qualcuno (ed è una cosa che non interessa). Ma il punto di forza del tuo lavoro sono le prese di corrente, praticamente raddoppiate, che hanno reso la macchina affidabile. Ben fatto!!!
Ciao!!!!!
avatar
FrancescoMaria Spampinato
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 22.09.09

http://www.viaggiofantastico.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Digitalizzazioni

Messaggio  Admin il Lun Ott 03, 2016 6:32 pm

un ottimo lavoro, sapientemente descritto
.... ti invidio tantissimo Exclamation Twisted Evil Twisted Evil Twisted Evil
Una di queste sere portala in sede, a Tremestieri, voglio vederla sul nostro plastico Wink

_____________________________
Roberto

Copiare e/o imitare l'AFS non è difficile: è semplicemente inutile [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Parcere subiectis et debellare superbos
avatar
Admin
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 03.05.09

http://a-f-s.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Digitalizzazioni

Messaggio  classe47 il Lun Ott 03, 2016 11:42 pm

Admin ha scritto:un ottimo lavoro, sapientemente descritto
.... ti invidio tantissimo Exclamation Twisted Evil Twisted Evil Twisted Evil
Una di queste sere portala in sede, a Tremestieri, voglio vederla sul nostro plastico Wink
l'ho già portata mercoledì 14/9 ma nulla in contrario a portarla ancora.
avatar
classe47
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 08.01.10

Tornare in alto Andare in basso

7 assi, 14 lamelle captatrici di corrente

Messaggio  classe47 il Sab Ott 08, 2016 11:19 pm

la 460 025 in figura è un vecchio modello Piko che possiedo da più di 25 anni, un modello dalla meccanica rustica ma robusta come erano i modelli fabbricati nella DDR prima della caduta del muro di Berlino. Per quanto vecchio il modello è in giusta scala 1/87 pertanto ho deciso di digitalizzarlo perchè non stona sul plastico accanto  agli altri modelli in esatta scala H0.
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Prima di digitalizzarlo ho deciso di migliorare la captazione della corrente, che in origine avviene sui 4 assi della locomotiva, rendendo idonei alla captazione anche gli assi del tender. 
Quindi: dopo aver aperto il tender
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
ho tolto la zavorra e smontato gli assi
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
poi ho ritagliato due strisce di lamierino di ottone da 0,15mm (la cosiddetta carta di spagna) in modo che le strisce presentassero delle linguette da far affacciare negli scassi esistenti nel telaio del tender. Questi fori servivano a non far strisciare i bordini delle ruote nel telaio. con questa modifica servono invece a farli strisciare sull'ottone stabilendo, così, il  contatto elettrico.
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Dopo ho rimontato gli assi e riapplicato la zavorra. Prima di applicare quest'ultima ho isolato elettricamente con della semplice carta adesiva una delle due strisce di ottone. L'altra striscia invece stando in intimo contatto con la zavorra di metallo e con l'asta di aggancio alla locomotiva mi ha permesso di far ricorso a un solo filo saldato alla striscia isolata per trasmettere un polo della corrente alla locomotiva; l'altro polo essendo trasmesso via massa, cioè l'asta di aggancio.
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Il telaio, peraltro, come si evince dalla figura sopra, presenta un foro rettangolare che ho sfruttato per far passare senza problemi il filo, che scorre, pertanto, parallelamente all'asta di aggancio.
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Ho testato la locomotiva in analogico, e va senza esitazioni e con dolcezza anche al minimo, come dire.. con sette assi a prelevare corrente non perde un colpo.
Prossimamente , appena mi arriverà il decoder.. la digitalizzazione.
avatar
classe47
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 08.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Digitalizzazioni

Messaggio  Ne 120 il Dom Ott 09, 2016 6:43 pm

La mia 460 PIKO è messa maluccio a livello di carrozzeria... la acquistai al negozio "Model art" del compianto sig. Orlando, sito in via Dei Mille, quando ancora ero poco più di un bambino... Pino mi stimola a riprendere quel relitto per dargli nuova vita... Attendo con ansia di vederlo in digitale, magari un mercoledì sera sul plastico di Tremestieri.  Cool

_____________________________
Un giorno il treno tornerà nella Valle dell'Alcantara
avatar
Ne 120
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 04.05.09

http://a-f-s.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Digitalizzazioni

Messaggio  classe47 il Dom Ott 09, 2016 7:45 pm

Ne 120 ha scritto:La mia 460 PIKO è messa maluccio a livello di carrozzeria... la acquistai al negozio "Model art" del compianto sig. Orlando, sito in via Dei Mille, quando ancora ero poco più di un bambino... Pino mi stimola a riprendere quel relitto per dargli nuova vita... Attendo con ansia di vederlo in digitale, magari un mercoledì sera sul plastico di Tremestieri.  Cool
Anche io la comprai nello stesso negozio, peraltro all'epoca era, credo, l'unico negozio a Messina dove si poteva comprare materiale Piko.
avatar
classe47
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 08.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Digitalizzazioni

Messaggio  classe47 il Mar Nov 01, 2016 9:08 pm

Dopo aver migliorato la captazione della corrente della mia 460 Piko sono passato alla digitalizzazione. 
Nonostante la mancanza di presa per il decoder, data la vetustà del modello, l'operazione è di estrema semplicità.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Dissaldate le induttanze e il condensatore antidisturbo delle radiofrequenze ho posizionato il decoder, attaccandolo con un biadesivo, sul motore stesso come in figura e con solo quattro saldature, due dalle prese di corrente e due al motore la digitalizzazione risulta ultimata. Il modello non ha luci funzionanti quindi non sono necessari altri collegamenti.
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Con un cartoncino nero ho mimetizzato il decoder che così non risulta visibile.
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Come detto, il modello non ha luci funzionanti ma penso si possano applicare, in qualche modo, dei led; questa sarà altra materia per muovere un po le mani in futuro.
avatar
classe47
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 08.01.10

Tornare in alto Andare in basso

digitalizzazione della 835 194 Rivarossi

Messaggio  classe47 il Dom Nov 20, 2016 4:12 pm

La 835 RR è un modello che non offre alcuno spazio per posizionare il decoder; parlo del modello che Rivarossi ha riproposto in esatta scala H0, circa venti anni fa, dopo aver tenuto in catalogo per quasi quaranta anni il modello in 1/80. 
L'attuale modello, HR, è uguale a quello di vent'anni fa ma con fanali funzionanti, presa di corrente su tutti e tre gli assi invece di due e presa per il decoder. Ma da come ho sentito dire e letto sui vari forum la predisposizione per la digitalizzazione è solo virtuale perché la locomotiva ha la presa per il decoder ma  lo spazio per alloggiarlo  non c'è, ovvero è insufficiente.
Il modello in mio possesso è quello di venti anni fa e volendolo digitalizzare ho pensato che se lo spazio per il decoder non c'è bisognava crearlo. 
Nelle immagini seguenti le operazioni che ho eseguito:
Smontaggio carrozzeria:
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Rimozione zavorra di piombo destra:
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Fresatura del massello di piombo per ricavare lo spazio sufficiente per accogliere un decoder a 6 poli viessmann 5240
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Ricollocazione della zavorra fresata e saldatura dei cavetti di alimentazione   e cavetti motore  dopo aver posizionato il decoder   nella nicchia ricavata per fresatura.
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
L'adozione di un microdecoder può suscitare qualche perplessità ma è da tener presente che il motore è piccolo e la 835 è una locomotiva da manovra non destinata a trainare lunghi convogli. Comunque il decoder ha un assorbimento di tutto rispetto potendo arrivare anche a 800mA.
avatar
classe47
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 08.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Digitalizzazioni

Messaggio  Doppia simmetrica il Dom Nov 20, 2016 4:20 pm

Ottima soluzione Giuseppe, ti stai specializzando nella digitalizzazione dei modelli con non poche soluzioni interessanti sia per l' alloggiamento dei decoder che per migliorare la captazione di corrente dalle rotaie!
Pollice sù!
avatar
Doppia simmetrica
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 08.06.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Digitalizzazioni

Messaggio  classe47 il Sab Gen 21, 2017 11:33 pm

Il minidecoder a 6 poli che mi sono trovato tra le mani quando ho digitalizzato la 835 mi diede l'ispirazione per fare delle prove sulle vecchie locomotive in scala TT che possiedo da molti anni.  Si tratta di locomotive della Berliner TT Bahnen, la ditta della Germania dell'est progenitrice della attuale Tillig. Sono macchine piuttosto rustiche ma robuste, ero un po scettico trattandosi di rotabili concepiti più di 40 anni fa, quindi con motori a tre poli, che zoppicano quando si cerca di  farle andare al minimo.
Ho provato con la BR81 ed appena aperta ho capito subito che era facilissimo digitalizzarla.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

 La locomotiva aveva sul motore un condensatore antidisturbo radiofrequenze piuttosto grande, quasi quanto il minidecoder perciò è stato sufficiente mettere il decoder al posto del condensatore, dissaldare le induttanze e fare 4 saldature.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Il risultato è stato del tutto inaspettato, in digitale la locomotiva tiene un ottimo minimo pur mantenendo una certa rumorosità del motore.
avatar
classe47
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 08.01.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Digitalizzazioni

Messaggio  Admin il Mer Gen 25, 2017 10:53 pm

Ottimo lavoretto Exclamation
Ne prenderò sicuramente esempio Wink

_____________________________
Roberto

Copiare e/o imitare l'AFS non è difficile: è semplicemente inutile [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Parcere subiectis et debellare superbos
avatar
Admin
SOCIO AFS
SOCIO AFS

Data d'iscrizione : 03.05.09

http://a-f-s.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Digitalizzazioni

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum